aa
Momento Espírita
Curitiba, 24 de Janeiro de 2021
busca   
Nel titolo  |  Nel messaggio   
ícone Il tuo primo Natale

Figlio mio... É il tuo primo Natale.

Da qualche tempo penso a quello che ho da dirti, perché, come padre, ho anche la missione di presentarti il mondo - di descrivertelo in tutte le sue nuance.

Perbacco... É il tuo primo Natale....

 So che le piccole luci che brillano da ogni parte incanteranno i tuoi occhi... Ma, a loro riguardo, vorrei dirti che simbolizzano stelle.

Sì, le stelle del Cielo, che vorremmo portare più vicino a noi. Per questo decoriamo le vetrine della vita con quelle lampade multicolori.

Sai... Non avremmo bisogno di tutte loro, perchè ce ne basterebbe una sola: quella che rappresenta la venuta sulla Terra di un Amico molto caro, che chiamiamo Gesù.

Sì, lo stesso Gesù della nostra preghiera quotidiana, col quale chiacchieriamo velocemente prima che tu ti addormenti.

Basterebbe una stella appena... da portare più vicino a noi.

Non sono tutti che se ne ricordano, figlio mio... E, anche se in quasi tutti i focolari possiamo vedere le stelline brillando, nella maggior parte di loro, stanno splendendo solo dal lato di fuori e non dentro i loro cuori.

Qui in casa le trovi da tutte le parti, perché a te piacciono tanto, non é vero? E sappi che si trovano nel cuore di papà, di mamma, e di tutti quelli che ti amano molto!

*   *   *

Sentirai molto la parola regalo, e ti confesso che molta gente pronuncerà questa parola senza aver la minima idea di quello che significa.

Cercherà i cosiddetti regali in giro, nei negozi, alla televisione, su Internet, ma, non potrà incontrarli...

Per capire bene quello che é un regalo, basta che ti ricordi del viso di tua madre e di tuo padre quando ti abbracciano ogni giorno.

Un regalo é un'allegria che non finisce mai, figlio mio...

Vedrai anche alcuni uomini vestiti con un bell'abito rosso. É bene che ti ci abitui, perché staranno da tutte le parti.

Forse tu avrai un po' paura di loro, ma sappi che rappresentano la bontà nel cuore degli uomini, bontà che fa sì che le persone si separino dalle proprie cose e le donino a chi ne ha più bisogno di loro.

Vedrai feste, cibi diversi, strade stracolme di gente, belle musiche. Ma sappi che tutto ciò é soltanto una raffigurazione molto timida di quello che é realmente il Natale.

Il Natale é un invito che riceviamo nuovamente ogni anno, figlioletto, quando gli Spiriti Buoni dell'Universo tornano a dirci che nasciamo e rinasciamo per amare e che l'amore deve stare al di sopra di tutto nell'esistenza.

Speriamo di poter presentarti l'amore, nel corso di questi Natali che passeremo insieme.

E per questo, ritorneremo a parlare, molte e molte volte ancora, di questo Amico che chiamiamo Gesù. Quel Gesù della preghiera prima di dormire, quel Gesù del Natale, quel Gesù dell'amore...

Sappi inoltre, figlio amato, che, nel tuo primo Natale, i tuoi genitori ringraziano molto il Padre Piú Grande per averti accanto a noi.

Le stelline qui di casa brilleranno da ogni parte, e ognuna dirà: Amo te.

Buon Natale, figlio mio...

Redazione del Momento Spirita
Traduzione di Fabio Cónsoli
Il 14.12.2021.

© Copyright - Momento Espírita - 2021 - Tutti i diritti riservati - Sull'Internet dal 28/03/1998 (in portoghese)